Sprecopoli di vigili a Roma

Visto che siamo ben 5700 ( in una città che ne necessiterebbe quasi il doppio…), raccontiamo come viene sprecato personale quotidianamente a Roma senza che nessuno si degni di metterci mano.

Un esempio fra tanti.

Arriva una telefonata alla centrale operativa. 1 operatore impegnato.

Segnalano un incidente senza feriti. La chiamata viene girata alla centrale operativa del gruppo municipale nel quale viene segnalato l’incidente. 1 operatore impegnato.

Viene inviata sul posto una pattuglia per rilevare l’incidente. 3 operatori impegnati.

Un solo veicolo sul posto che riferisce che il suo specchietto si è rotto a causa dell’urto con un altro veicolo il quale anch’esso ha rotto il suo specchietto. Danni complessivi: 2 specchietti!

Ma l’altro “incidentato”non c’è. Visti i danni e riconoscendosi la colpa riferisce alla controparte che la chiamerà il giorno successivo per risarcirle il danno dandole comunque tutti i propri corretti dati personali ed assicurativi.

Vi ho chiamati perché non si sa mai…” disse la parte.

L’incidente viene rilevato e viene consegnato in ufficio ad un operatore che dovrà lavorarlo. 1 operatore coinvolto.

Si prepara un invito di presentazione per chi si è allontanato per completare l’incidente. L’invito si invia telematicamente al gruppo competente per territorio per la notifica al proprietario del veicolo. Al protocollo in ricezione 1 operatore coinvolto.

L’invito, una volta giunto al protocollo viene smistato all’ufficio che si occupa di effettuare la notifica. 1 operatore coinvolto.

La notifica viene affidata alla pattuglia per completare la consegna. 2 operatori coinvolti.

La procedura, effettuata la notifica, riparte in senso contrario rispetto a quanto raccontato fino ad adesso.

La persona si presenta in ufficio, nel municipio dove abita, e rilascia i documenti e la propria versione dei fatti. 1 operatore.

La pratica ritorna completa all’ufficio che l’aveva presa in carico.

Alla fine della fiera l’incidente, una volta terminato e lavorato, non verrà richiesto e ritirato mai da nessuno perché davvero quel signore risarcì il danno.

Morale?

10 (DIECI) operatori coinvolti solo per questo incidente che nessuno ha poi ritirato.

Un anno fa chiedemmo  proprio questo all’amministrazione comunale.

Pensate che in un anno sia cambiato qualcosa?

Si. Siamo un paio di centinia di meno in servizio.

Evidentemente per il comune ed il nostro comando possiamo permetterci questi lussi per constatare che uno specchietto si è rotto.

Annunci

Decreto Madia favorisce chi picchia i vigili?

Ancora una volta, l’essere considerati contrattualmente come degli impiegati catastali e non come forza di polizia, espone il governo a questi arzigogoli giuridici.

Succede che il governo vari una norma che, nei suoi intenti, vuole giustamente controllare con maggiore rigore le malattie dei soli dipendenti pubblici.

Si tratta del decreto ministeriale n. 206/2017. In particolare, all’articolo 4, si sono esclusi (per volontà e non colpa in quanto non ammissibile la seconda per certi vertici), gli infortuni in servizio.

A noi poliziotti locali capita (spesso purtroppo) di venire aggrediti durante lo svolgimento del nostro servizio da delle personcine non troppo a modo.

Un esempio tra tantissimi

Le nostre aggressioni non sono poche tanto che ci fanno balzare al terzo posto tra le divise che lavorano per strada a conferma dell’ assoluta necessità del riconoscimento del nostro status.

In caso di arresto di queste persone il giorno successivo vengono portate davanti ad un giudice per un processo per direttissima e fino ad ora, se non si era feriti troppo gravemente, ci si presentava in aula per testimoniare davanti al giudice raccontando i fatti.

Ora, se il giudice ci cercherà, dovremmo dirgli che siamo a disposizione del medico dell’inps mica della giustizia!

Se ci cercherà diremo che siamo a casa in attesa della visita medica e, con ogni buona probabilità, il processo verrà rinviato a quando l’aggredito starà meglio?

Quindi a chi fa un favore questo decreto alla fine?

Nel dubbio su come comportarsi, se mandare avanti le pratiche a disposizione della giustizia e beccarsi un procedimento disiplinare perchè assenti alla visita fiscale oppure fare i bravi impiegatucci aspettando il medico fiscale al calduccio e mandare nel dimenticatoio i processi, abbiamo richiesto chiarimenti al Comune.

Riusciranno a darci una risposta almeno loro? Siamo poliziotti o impiegati? Come tali magari ci comporteremo….chissà!

Caro Babbo Natale ci è andata bene

Caro Babbo Natale,

sappiamo che in questo periodo sei molto indaffarato nel cercare di esaudire i desideri dei bimbi.

Volevamo chiederti di voler fare una piccola eccezione e di prestare attenzione anche ad un cospicuo numero di “vecchietti in progress “.

Come ben saprai, ieri, un collega “stradalino” ci ha lasciato un po’ più soli proprio prima delle feste natalizie.

Una brutta notizia soprattutto per i familiari, gli amici e colleghi. Meno per qualche unineurodotato ma ci siamo abituati.

Alcuni dicono che sono i rischi del mestiere e, pur maledicendoli, dobbiamo dargli ragione.

Poi pensiamo a chi sulla strada svolge un lavoro pressoché simile come la categoria di vecchietti in progress di chi parlavamo prima.

Alcuni dicono che non corriamo gli stessi rischi delle Polizie Statali quando svolgiamo i nostri compiti di istituto quando ci negano le parificazioni che andiamo chiedendo da tempo.

Allora ti raccontiamo cosa ci è accaduto proprio stanotte, a poche ore dall’incidente del nostro caro collega stradalino (vezzeggiativo per gli appartenenti alla polizia stradale).

All’ una di notte, mentre la pattuglia del VI Gruppo Torri era impegnata in ausilio del mezzo Ama che stava spargendo il sale in via di Rocca Cencia vicino all’inceneritore, i colleghi venivano violentemente tamponati da un altro veicolo che sopraggiungeva e sbalzati addosso alla banchina.

Mentre cercavano di evitare incidenti e per evitare che qualcuno si facesse del male.

Una collega è stata trasportata presso il Policlinico Tor Vergata e, seppur malconcia, sembra che non si sia fatta nulla di grave.

A lei mandiamo un caldo abbraccio e le auguriamo la pronta guarigione.

Stavolta è andata bene.

Arrivati a questo punto della letterina ti chiediamo di farci questo regalo per Natale: una seria riforma che ci equipari nel contratto alle forze di polizia statali e non, con tutto il rispetto, agli impiegati del catasto comunale.

Caro Babbo Natale, magari anche con l’aiuto della Befana, intercedi per noi col Governo Italiano per far si che rispetti le direttive impartite anche dall’Unione Europea.

Latte caldo e biscotti ti aspetteranno nei nostri comandi la notte di Natale se vorrai rifocillarti un pochino.

Vai piano con le renne però.

Corri piano.

Ci teniamo a te.

Il 27 Novembre vigili in piazza a Bari per chiedere l’aumento delle multe!

Il 27 Novembre la Polizia Locale italiana scenderà in piazza a Bari, comune in cui il sindaco è presidente dell’ANCI, per chiedere l’aumento delle multe e per dimostrare vicinanza alle idee di molti di questi sindaci.

Non è più possibile avere multe da 28,70€ con gli sconti. Altro che BlackFriday.

Chiediamo che salga ad almeno 200€ la sanzione minima per chi omette di pagare il ticket del parcheggio o sfora col disco orario.

Non deve esserci più la possibilità di pagare entro 60 giorni ma soli 5 giorni. Bastano ed avanzano.

In caso di ritardi nel pagamento non più il raddoppio ma la moltiplicazione per 10 della somma con ben altri 5 giorni per pagarla. Allo scadere revoca della patente ed esproprio coatto del veicolo.

In 10 giorni o paghi al comune o ti esproprio la macchina.

Chiediamo di eliminare anche i ricorsi al prefetto ed al giudice di pace perchè intasano questi uffici  e perchè i comuni non sbagliano mai.

Chiediamo tutto questo perchè le casse dei comuni sono spesso in rosso ed abbiamo bisogno dei soldi dei cittadini per risanarle checchè ne dicano i sindaci in tv millantando sicurezze stradali varie.

Chiederemo inoltre di farci togliere tutte le qualifiche non necessarie come quelle di Polizia Giudiziaria che comportano perdite di tempo per i comuni e, come ad esempio nei casi di etilometri e tossicologici, addirittura le sanzioni vanno allo stato e non ai comuni stessi. Doppio spreco.

Chiederemo di lavorare solo di giorno perchè metterci di notte a farci rilevare gli incidenti significa togliere personale che il giorno potrebbe tranquillamente andare in giro a scovare i mancati pagamenti dei grattini sulle strisce blu.

Non lavoreremo più per le esigenze del ministro Minniti per collaborare nella prevenzione degli attentati terroristici. I comuni si sono accorti che sarebbe solo un costo oltre a quello che già sopportano nell’installare fioriere e barriere in cemento.

Delegazioni provenienti da tutta Italia chiederanno questo. Tornare ad essere degli sparamulte con premi di produttività legati agli incassi e proporzionali al numero delle multe elevate agli stessi automobilisti con un contratto bonus di tipo dirigente bancario.

Più multi e più guadagni. Come quando vendi più prodotti bancari.

Risaneremo così i bilanci dei comuni.

Unitevi a noi al fianco dei nostri sindaci per avere di nuovo i cari vecchi vigili urbani come nel secolo e millennio scorso.

Se sei d’accordo con quanto detto fermati, non andare oltre e tifa per l’ANCI.

Se non sei d’accordo allora sei d’accordo realmente col SULPL prosegui:

Risultati immagini per freccia giu

Cliccate qui di seguito gli obiettivi completi della manifestazione

Cliccate qui per il discorso del nostro segretario nazionale Mario Assirelli

C’è ben poco da ridere

Anche oggi in uscita sulle pagine di un giornale è comparso il consueto attacco ai dipendenti capitolini che evidenzia, se ancora ce ne fosse bisogno, l’ignoranza di alcuni.

Proviamo a spiegare di cosa si tratta ben consci che, a volte, si perde acqua tempo e sapone.

In Italia, il vigente quadro normativo, costituito dal d.lgs. 81/2008 e s.m.i., obbliga i datori di lavoro a valutare e gestire il rischio stress lavoro-correlato al pari di tutti gli altri rischi, in recepimento dei contenuti dell’Accordo europeo sullo stress lavoro correlato del 2004.

Già qui qualcuno dovrebbe chiedersi cosa ha fatto il Comune di Roma in questi 13 anni, ma mica chiediamo così tanto.

L’argomento è tanto delicato che la stessa INAIL, che si occupa degli infortuni e delle malattie sui luoghi di lavoro, pubblici e privati, ha dedicato un apposito spazio sul proprio sito internet dedicato proprio allo stress- lavoro correlato.

Già qui qualcuno avrebbe potuto usare un motore di ricerca internet, ad esempio google ma non vorremmo fare pubblicità, che inserendo nell’apposito spazio cosa si ricerca dovrebbe in pochissimi secondi, a seconda della propria velocità di connessione, tirare fuori alcune risposte. Ma mica chiediamo così tanto.

Leggere questo articolo fa pensare che chi critica questo provvedimento sia in realtà a favore di queste conseguenze, oggettivamente dimostrate, di chi è colpito da questa patologia:

A livello individuale

  • Atteggiamenti negativi verso i clienti/utenti
  • Atteggiamenti negativi verso se stessi
  • Atteggiamenti negativi verso il lavoro
  • Atteggiamenti negativi verso la vita
  • Calo della soddisfazione lavorativa
  • Calo dell’impegno verso l’organizzazione
  • Riduzione della qualità della vita personale
  • Peggioramento dello stato di salute
  • Portanza ad assumere alcolici o droghe.

A livello organizzativo

  • Aumento dell’assenteismo
  • Aumento del turnover
  • Calo della performance
  • Calo della qualità del servizio
  • Calo della soddisfazione lavorativa.

Ripetiamo. Quello che si vuole combattere è questo qui sopra e chi è critico o contrario è  invece evidentemente a suo favore . Non c’è via di mezzo se non dovuta alla ignoranza sull’argomento.

Pensate che esageriamo?

Leggete qui 

E poi qui

Evitare drammi e poi evitare i risarcimenti riteniamo sia scelta oculata e responsabile da parte dell’amministrazione comunale.

Oppure si pensa che, ad esempio, comunicare tutti i giorni a familiari che i propri cari non ci sono improvvisamente più a causa di un incidente stradale, non possa creare turbative nella psiche degli operatori?

Lo stress è il cestino della vita moderna – tutti noi generiamo scorie, ma se non le smaltiamo correttamente, si accumulano e superano la vostra vita.

Noi non abbiamo paura a dire che se uno psicologo ci segue nel nostro lavoro, ogni giorno, non possa che essere solo che utile e vantaggioso.

Consigliamo all’autore dell’articolo, se non ne lo ha a disposizione, di rivolgersi al suo datore di lavoro e pretendere altrettanto: assistenza di uno psicologo per evitare lo stress-lavoro correlato.

E’ pericoloso.

Non lo sottovalutare.

Da vigilopoli a farsopoli

Vi invitiamo a leggere con molta attenzione un articolo pubblicato oggi sulla stampa.

2

In un certo periodo temporale è stato creato un clima di caccia alla streghe nei confronti della categoria.

In questo clima si calò un piano di prevenzione della corruzione da lacrime e sangue per la Polizia Locale di Roma che ha avuto come risultato quello della perdita di ogni professionalità acquisita dagli operatori.

Abbiamo sempre avuto il sospetto che qualcuno potesse avere l’interesse a depotenziare la Polizia Locale per magari trovarsi di fronte agenti ed ufficiali inesperti ad affrontare le materie e quindi “meno scomodi“.

Decine e di articoli ripetuti nel tempo, per sempre gli stessi episodi, hanno ingenerato una sensazione diversa rispetto a quello che la realtà processuale pare invece stia tirando fuori.

Abbiamo sempre avuto fiducia nel lavoro della magistratura con la quale collaboriamo tutti i giorni.

Quella che è mancata è stata una seria, idonea e muscolosa difesa mediatica da parte dei vertici politici ed amministrativi del campidoglio.

Non lo perdoneremo mai.

MAI.

Divisa ecologica? Abbiamo la foto esclusiva!

Il titolone del quotidiano ci ha incuriosito e siamo andati a scartabellare in mezzo ai polverosi archivi che sono custoditi nei sotterranei quasi inaccessibili del Comando del Corpo e siamo venuti in possesso di questa gustosa novità che ha contribuito a riempire le pagine delle cronache.

Potevamo indossare delle comode Polo in cotone? Nooo.

Non gli andava bene e fondamentalmente eravamo anche d’accordo con loro

Invece il comando ci ha smentito ed anzichè puntare su una razionale spesa ecoinsostenibile ha deciso di soprendere tutti e buttarsi su di una spesa pazza ed ecologica.

Chissà se nei saloni del comando faranno una presentazione alla stampa come questa

La foto in anteprima è questa.

Informiamo l’attenta stampa che la useremo anche per occultare i nostri autovelox e street control.

 

 

Chi comanda davvero i vigili urbani?

Una risposta che a noi sembrava facile e pronta. Immediatamente abbiamo pensato che il riferimento legislativo non poteva che essere inserito tra le pieghe della legge Quadro della Polizia Municipale (n° 65/1986) dove in particolare all’articolo 9 possiamo leggere:

Il comandante del Corpo di polizia municipale e’ responsabile verso il sindaco dell’addestramento, della disciplina e dell’impiego tecnico-operativo degli appartenenti al Corpo.

Quindi, risalendo un poco la piramide di comando , possiamo arrivare a dire che poi alla fine è il sindaco che, come previsto dall’articolo 2 della stessa legge, “impartisce le direttive, vigila sull’espletamento del servizio”.

La risposta alla domanda pertanto poteva essere: il comandante che esegue le direttive del sindaco.

Invece non è proprio così. Pur prendendosi i sindaci ed i comandanti tutti gli scazzi della cittadinanza la risposta sembra non essere proprio questa.

Proviamo a spiegare perchè.

Facciamo un piccolo salto indietro nel tempo quando, anche noi stessi, non avevamo ben capito il piattino che ci stavano cominciando a servire. O meglio. Ne avevamo per primi cominciato a sentire la puzza, ma la pietanza non era ancora stata servita.

Era il 07/08/2013 e ci trovavamo di fronte per la prima volta in un incontro ufficiale l’ex Sindaco Ignazio Marino. Sentite con attenzione cosa gli dicevamo dal minuto 04.12 al minuto 05.30

Quale fu la risposta da parte dell’amministrazione comunale? Prima questa nomina  e poi, a stretto giro di posta, quest’altra.

Provenienza proprio Questura di Roma.

A Roma, dopo i fatti di Mafia Capitale, hanno fatto girare il detto che bisognava seguire il modello Milano,ma in questo caso si è fatto proprio il contrario.

Milano copiò Roma.

Anche a Milano è cambiato il comandante ed indovinate da dove proviene? Eh già. Sempre dai ranghi della Polizia di Stato.

Qualcuno potrebbe obiettare che adesso a Roma non è più come prima. La risposta è parzialmente vera. Vi invitiamo ad andare a leggere il curricum dell’attuale Comandante del Corpo Diego Porta.

Che coincidenza…

Cosa succede invece in un’altra grande città del sud Italia come Taranto? Succede che un sindacato della Polizia di Stato scriva e si rechi a colloquio con il sindaco e si metta a parlare con lui di risorse economiche da destinare a nuove assunzioni nella Polizia Locale e alla organizzazione dei turni della stessa per coprire le intere 24 ore! Si può leggere tutto qui.

Infine torniamo di nuovo a Roma. Sempre in questi giorni la Questura di Roma sembra abbia inviato al gabinetto del sindaco, al delegato del sindaco alla sicurezza ed al comando del corpo , il richiamo ufficiale affinche la stessa Polizia Locale si attenga secondo le ordinanze di servizio della stessa questura indicando orari e località dove collocarsi.

Chi è quindi che ha bisogno della Polizia Locale e chi sono veramente i suoi comandanti?

Secondo noi è in atto uno scientifico e programmato “commissariamento” delle Polizie Locali che possono essere usate come manodopera a costo zero da parte del Ministero dell’Interno, attraverso le questure, senza riconoscerle in alcun modo questo ruolo nella sicurezza delle città. A partire dal nostro status contrattuale più simile a quello degli impiegati che a chi è impegnato a prevenire atti di terrorismo.

Ad alcuni gli onori ad altri gli oneri.

La risposta iniziale quindi non ci pare più così ovvia.

Abbiamo quindi deciso di rivolgerci direttamente a quello che pare essere diventato, obtorto collo, il nostro nuovo comandante del corpo in capo mutuando quanto fatto dal sindacato di polizia.

Abbiamo richiesto pertanto al Questore di Roma un incontro per parlare delle problematiche derivanti dalle sue disposizioni di servizio informando di questo anche il Prefetto di Roma.

Non possiamo consentire che la Polizia Locale sia considerata in questo modo.

Toc Toc

Comando e Sindaco se ci siete battete un colpo. Di dignità ed autonomia.

L’Italia non merita il nostro sangue

Un collega aggredito a Catania perché, pare, ha impedito il transito ad uno scooter per una chiusura di una strada.

Gli “impediti” sono tornati indietro e lo hanno preso a cascate.

Ora lotta con la morte in coma.

Sarà colpa forse della richiesta sinergia di Minniti, ma le strade italiane tornano a macchiarsi del sangue degli impiegati comunali in divisa non riconosciuta dallo stato se non quando gli serve.

Quello stesso sangue che è stato schifato quando lo abbiamo donato.

Quello stesso sangue che trasforma le nostre morti in morti di serie B. Poco meno di un taglio al personale.

Allora questo stato, che non ci riconosce una riforma degna di questo nome, forse  merita che quel ciclomotore sia lasciato passare.

Gli manderemo poi la multa a casa perché non indossava il casco e perché non rispettava le segnalazioni manuali dell’agente preposto. 

L’impedito se ne sarebbe tornato a casa con una multozza. Contento pure il comune magari.

Il collega sarebbe tornato a casa. Semplicemente.

Ora non ci resta che augurarci che ci ritorni davvero.