Clemente e triplice d’amore e d’accordo.

   
 
Dopo una lunga giornata di discussioni ecco il “verbale di incontro” che abbiamo reperito.

Hanno messo nero su bianco che si sono incontrati.

In oltre un anno che il comandante Clemente non ha voluto incontrare i sindacati e tantomeno trovare qualche punto d’intesa, oggi si aveva fretta di sottoscrivere queste due pagine.

A chi gioveranno?

Oggi noi non abbiamo potuto sederci al tavolo ma avremmo chiesto:

“Che significa applicazione delle ordinanze  delle autorità di p.s?”

Per noi manodopera a costo 0 per lo Stato italiano.

Poi, en passant, si parla di rischio attentato.

Si firmano queste due pagine, si sottoscrive la possibilità di un rischio, ma non si aggiorna il documento di valutazione dei rischi e quindi, onere del datore di lavoro, nessun dispositivo di protezione individuale!

Come al solito lo straordianario cancella ogni diritto alla salute ed alla sicurezza dei lavoratori.

Con la promessa di rivedersi il 10.

Dopo la festa sarà di nuovo gabbato il santo?

Annunci

Imbavagliati!

Nonostante il 25/11/2015, ben 8 giorni fa,  avevamo inviato questa richiesta di non convocare riunioni per 3 giorni in quanto saremmo stati impossibilitati a partecipare, ecco la risposta del comune:

Convocati oggi per oggi stesso!

Sappiamo che quel che abbiamo da dirvi forse vi fa “scocciare”, fatevene una ragione!

Quel che avremmo dovuto dirvi oggi ve lo metteremo per scritto.

A voi.

Alla ASL.

Ed alla Corte dei Conti.

Tanto dovevasi per opportuna conoscenza.

 

 

Riunione su problematiche PL: cosa abbiamo detto.

Si è svolta oggi una riunione coi vertici del comando del Corpo relativa alla predisposizione dei servizi per l’evento giubilare.

Siamo ancora agli impegni di pubblicare circolari esplicative sugli impieghi del personale…. Unico progetto che i vertici strapagati sono stati capaci di pensare é…. 10 ore di straordinario!

Sò forti, che vi credevate?

Senza ovviamente pensare al fatto che altre sette ore bisogna farle, quindi 17 ore di servizio al giorno.

Poi predicano attenzione in servizio e magari, se vai a prenderti il caffè al bar, neanche ti difendono sulla stampa o dalle “frescacce” dei blogs.

Abbiamo richiesto che venga tutto inserito nel documento di valutazione dei rischi. Il comandante deve prendersi la responsabilità di dire “la Polizia Locale di Roma non corre rischi specifici”

Attiveremo l’RLS Lanni Pierluigi proprio su questo visto che la sua richiesta di prendere visione non è stata ancora soddisfatta, procederemo in danno del comandante del Corpo con una denuncia per comportamento antisindacale se non provvederà al più presto.