C’è traffico? Rompiamo un braccio al vigile!

Chissà se è questo il ragionamento fatto stanotte alle 23 da un motociclista in transito su piazza cavour.

In quel luogo infatti stava compiendo i rilievi tecnici di un incidente stradale avvenuto poco prima una pattuglia del I gruppo Prati.

Fatto sta che un collega ( A. R.) è stato aggredito da questo motociclista italiano, forse impaziente a causa del senso unico alternato, tanto da rompergli un braccio.

Il collega è stato trasportato in ambulanza presso il santo spirito dove è stato refertato con 20 giorni di prognosi mentre, con ausilio di altre due pattuglie di Prati e del Gssu, l’aggressore veniva arrestato e custodito presso le camere di sicurezza del 1 gruppo trevi.

Non è possibile continuare a lavorare in questo modo in città. Specie in notturna si viene inviati a compiere interventi con singoli equipaggi ( abbiamo una pattuglia per municipio) perché oramai gran parte delle pattuglie sono ferme a guardare i campi nomadi oppure la pineta di Ostia.

Le pattuglie rimaste disponibili vanno da una parte all’altra di Roma e restano da sole anche per ore. 

Sappiamo che aggiungere pattuglie la notte significa tagliare i servizi del giorno, ma il Comando del Corpo deve capire che la notte così come è organizzata non risponde più a come era 15/20 anni fa.

Se non vogliamo tagliare i servizi di giorno dobbiamo tagliare qualche servizio di notte per aumentare le pattuglie disponibili.

A cominciare dai piantonamenti fissi che si protraggono da anni ormai e che sono diventati la sicurezza esclusiva e privata (agli altri romani…) degli abitanti dei campi nomadi

Annunci