Brucia la città 

Altro grande incendio divampato questa notte verso le 2,30 vicino al gazometro.

Probabilmente la fiammella di una persona delle tante accampate che si difendeva dai topi ha mandato in fiamme un accampamento abusivo.

Nessun ferito pare esserci per fortuna 

I  vvff alle 06.30 stavano vincendo la loro battaglia con le fiamme.

Dopo 4 ore di lavoro sul posto sono intervenute 3 autobotti e le pattuglie dell’ 8 Tintoretto e del 9 eur. 

Nei giorni scorsi il comando ha provveduto a distribuire un kit a tutti i colleghi composto da: 1 mascherina bianca, una tuta bianca protettiva ed una retina per capelli.

Il kit può essere usato anche in caso di incendi in campi nomadi per evitare contaminazioni da fumi ed altro.

Un kit.

A questi colleghi probabilmente ne necessiterà la fornitura di un altro che non ci pare essere stata prevista se non dopo la distribuzione a tutti.

Purtroppo la vecchia mentalità del comando del corpo fa passare per individuali le dotazioni che invece dovrebbero essere date all’inizio del turno come dotazione di reparto.

Così alla fine ci troveremo col solito spreco di soldi con kit distribuiti a chi non li userà e kit mancanti a chi sovente si imbatte nel turno di lavoro in questi incendi.

Annunci

Brucia la città…

Dopo gli incendi di ieri prosegue l’opera del fuoco nelle aree verdi romane

Oggi è la volta della zona di montemario dove un incendio si è sviluppato al Parco del Pineto. Chiuse Via Vittorio Montiglio da Via Pineta Sacchetti e Via di Valle Aurelia da Via Damiano Chiesa, 5 pattuglie della Polizia Locale del XIV Gruppo Montemario sul posto.

Qui di seguito alcune immagini.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non sappiamo che cosa bruci insieme al verde e non sappiamo se inaliamo sostanze tossiche mentre effettuaiamo queste, quasi, quotidiane chiusure delle strade.

Nelle valutazioni del rischio ci dicono che sono episodici questi interventi, a noi sembra vero il contrario.

Continuano incendi ai campi nomadi

23

Ancora un rogo a cui la Polizia Locale è stata chiamata ad assistere nei pressi di un campo nomadi.

E’ accaduto ieri sera intorno alle 23.00 nel campo nomadi di Via Salviati.

L’intervento, ennesimo, dei Vigili del Fuoco è stato effettuato intorno a mezzanotte.

Abbiamo provveduto a chiedere al Comandante ed alla Sindaca di togliere questi nostri inutili presìdi che servono solo ad inalare sostanze si spera poco tossiche.

Ricordiamo che la scelta di mettere i presidi è figlia dei fatti successi a Tor Sapienza.

Abbiamo sempre avuto l’impressione, sicuramente ci sbagliamo, che i presìdi siano stati messi per proteggere gli abitanti dei campi nomadi da eventuali rappresaglie esterne.

Gli altri che dovevano presidiare le aree insieme a noi, così come deciso si sono presto dileguati.

Noi siamo rimasti, come da tradizione, col cerino in mano.

Dopo oltre un anno di questo impiego qualcuno, in questo comune, tra politica e dirigenza, riuscirà a tirare mai una linea e dire se quanto è stato fatto finora è stato un successo o un fallimento?

E se è stato un fallimento riusciremo mai a far accomodare alla porta colui il quale ha partorito questa idea?

Notte di fuoco al Comando dei Vigili


Intorno all’una di stanotte un violento incendio ha visto coinvolgere tre veicoli nei pressi del comando del Corpo della Polizia Locale.

In Via Bucimazza all’incrocio con Via dei Fienili.

Sono intervenuti i Vigili del fuoco a spegnere le fiamme, due pattuglie del 1′ Gruppo Trevi dirette dal Comandante Moretti ed i Carabinieri per le attività di rito.

Siamo veramente a due passi dal Comando.

Non sappiamo se il fatto sia doloso o meno ma speriamo solo che ci sia qualche telecamera che sia riuscita a riprendere tutte le fasi.

Giusto per essere sicuri che il comando della capitale sia un poco protetto e videosorvegliato.

Notte di fuoco al campo nomadi

Alle ore 2,25 ancora un incendio di immondizia all’ingresso del campo nomadi della Barbuta.

La pattuglia di Appio presente sul posto ha provveduto a richiedere subito l’intervento dei VVFF che sono intervenuti per spegnere il fuoco.

Il problema dei fuochi, se non toglie l’immondizia non si risolverà mai.

Poco prima delle 3,00 un altro incendio nei pressi del campo nomadi di Via di Salone, all’interno di un’area privata, che sembrerebbe aver coinvolto una baracca e degli alberi. Anche un questo caso la pattuglia presente sul posto, di Torri, ha richiesto l’intervento dei VVF.

Quindi, in pratica, siamo dei sensori di allarme antifumo…

antifumo

In assenza di pulizia dei campi, in assenza di politiche di chiusura degli stessi campi, resta la soluzione più economica quella di impegnare diverse pattuglie ogni giorno e notte come “sentinelle antifumo”?

Per una politica molto miope evidentemente si.

Incendio a San Giovanni: le immagini

   
    
   
Super lavoro stamattina in Viale Castrense 51 zona san giovanni per le pattuglie della Polizia Locale del VII Gruppo Appio , Vigili del Fuoco, Carabinieri e Polizia.

Un incendio si è sviluppato in un edificio su cui si stanno effettuando delle indagini ed al momento ancora non domato.

“La Polizia Locale è sempre impiegata al fianco degli altri appartenenti al comparto sicurezza pur essendo dei semplici impiegati amministrativi con pari rischi per la salute. Proprio per questo siamo andati ieri a Napoli a manifestare. Siamo stanchi delle discriminazioni”

Incendio a via Pasquale II

Oggi pomeriggio si è sviluppato un grosso incendio in Via Pasquale II tra gli edifici ed il mercato rionale.

Grosso impegno della Polizia Locale del XIV Gruppo Montemario che, a causa della mancanza di pattuglie, ha dovuto richiedere aiuto al confinante XIII Gruppo Aurelio.

I colleghi si sono prodigati nelle chiusure al traffico per consentire la sicurezza della zona ed ad avvertire la popolazione di tenere le finestre chiuse per il forte fumo nero sprigionato dalla combustione.

Nessuna protezione però per gli agenti impiegati che hanno dovuto respirarsi tutti questi fumi senza alcuna protezione.

Come quando veniamo impiegati durante le giornate di blocco per il traffico perchè c’è troppo smog, evidentemente il comune considera i nostri polmoni come ottimi “depuratori” per l’aria romana.

eppure siamo dei semplici impiegati comunali….