Da vigilopoli a farsopoli

Vi invitiamo a leggere con molta attenzione un articolo pubblicato oggi sulla stampa.

2

In un certo periodo temporale è stato creato un clima di caccia alla streghe nei confronti della categoria.

In questo clima si calò un piano di prevenzione della corruzione da lacrime e sangue per la Polizia Locale di Roma che ha avuto come risultato quello della perdita di ogni professionalità acquisita dagli operatori.

Abbiamo sempre avuto il sospetto che qualcuno potesse avere l’interesse a depotenziare la Polizia Locale per magari trovarsi di fronte agenti ed ufficiali inesperti ad affrontare le materie e quindi “meno scomodi“.

Decine e di articoli ripetuti nel tempo, per sempre gli stessi episodi, hanno ingenerato una sensazione diversa rispetto a quello che la realtà processuale pare invece stia tirando fuori.

Abbiamo sempre avuto fiducia nel lavoro della magistratura con la quale collaboriamo tutti i giorni.

Quella che è mancata è stata una seria, idonea e muscolosa difesa mediatica da parte dei vertici politici ed amministrativi del campidoglio.

Non lo perdoneremo mai.

MAI.

Annunci

Ci hanno arresi?

Ve lo diciamo da subito: non proseguite la lettura se ancora confidate nelle istituzioni. O se pensate che dobbiamo sempre usare il gergo “sindacalmente” corretto.

Saremo provocatori. Molto provocatori.

Siamo nel periodo fiabesco preferito dai bambini, quello di Babbo Natale, ma noi abbiamo rinunciato a credere nelle favole da tempo e preferiamo tenere i piedi per terra.

Se proprio volete farvi il sangue amaro ed un travaso di bile, allora proseguite a vostro rischio: noi ce ne laviamo le mani.

Ricordate quando vi dicevamo che le rotazioni anticorruzione servivano ad ottenere del personale impreparato al posto giusto al momento giusto?

Bene, ora leggete con attenzione questo articolo:

05hearts

Ora immaginate che un collega appena ruotato legga questo articolo. Lui già sa di non essere preparato ad affrontare il nuovo lavoro che lo attende per due “semplici” motivi:

  1. E’ stato spostato prima di essere formato al nuovo incarico;
  2. Sarà formato con un corso ritenuto dallo stesso comandante della Scuola del Corpo non sufficiente ( vedi nota protocollo 296630 del 30/11/2016).

Allora questo collega penserà inevitabilemente a “non rischiare”, ad “evitare problemi”. Non sarà tranquillo nè sereno. Si arrenderà. Semplicemente. Con buona pace di tutti i ben pensanti che fanno i forti con le terga altrui…

Da facili profeti vi diciamo che queste richieste di risarcimenti danni aumenteranno nel corso del tempo. Hanno trovato il ventre molle dell’amministrazione. L’ultima ruota del carro.

Complimenti a chi ha ideato, realizzato e portato a compimento questo sfascio.

Speriamo che dopo la ritirata ci sia almeno la possibilità di un armistizio.

Speriamo di sbagliarci, stavolta.

Violata la segretezza dal comune?

Risultati immagini per traditore

Roma, dopo che già altre realtà lo avevano fatto, si è dotata di uno strumento come il “whistleblowing” che consente ai dipendenti capitolini di segnalare sospetti di corruzione all’interno della amministrazione.

Lo potete trovare sul sito del comune di Roma

La segnalazione, così come previsto dalla normativa della stessa Autorità Nazionale Anti Corruzione presieduta da Cantone, stabilisce che questa DEVE essere riservata in ogni sua fase.

Noi abbiamo avuto il sospetto, dopo avere letto un articolo di giornale il 04/10/2016 che ciò non sia avvenuto.

cattura

In questo articolo sono indicate le categorie professionali (non a caso quella della Polizia Locale?)  che hanno effettuato le segnalazioni ed addirittura il tipo di segnalazione entrando quasi nel dettaglio.

Certo non ci sono i nomi, ma anche un indizio perchè darlo in pasto a chi potrebbe essere un corrotto? Se tutta la fase deve essere coperta da riservatezza perchè farne report pubblici?

Per questo abbiamo inviato una segnalazione alla stessa ANAC ed al Sindaco di Roma.

Se vogliono fare le cose seriamente noi ci stiamo. Diversamente no.

Finto dipendente comunale chiede mazzetta

Ci ha provato a Roma ai danni di un gommista.

Si è spacciato per un dipendente comunale ed ha chiesto 2000€ per risolvere le fantomatiche problematiche del locale del commerciante.

E’ stato arrestato in flagranza di reato dagli agenti del Commissariato Aurelio.

Noi riteniamo che questo sia il metodo principale per sconfiggere la corruzione: DENUNCIARE!

Che sia un vero dipendente o falso non importa.

L’unica cosa da fare è rivolgersi alle varie forze di polizia e denunciare il fatto. Sempre.

Se fosse un millantatore peggio per lui. Se fosse realmente un dipendente comunale sarebbe cacciato a

17

Il giudice annulla le rotazioni

Con sentenza 9879/2015 il Tribunale di Roma ha riconosciuto la condotta antisindacale del Comune di Roma verso le Organizzazioni Sindacali, in particolare la UIL che ha presentato questo ricorso, per non essere stata preventivamente informati sulle procedure di rotazione del personale nel piano triennale anticorruzione   
Annulla quindi le disposizioni adottate sulle rotazioni del personale.

Un bel colpo giudiziario al Comune di Roma e complimenti allo studio legale della Uil per l’importante sentenza.

Ora queste spese dovrebbero essere addebitate a quei dirigenti che in questi mesi si sono dimostrati sordi alle legittime richieste dei sindacati.

Non dobbiamo andare fino a Berlino per trovare Giustizia!

A proposito di corruzione

IMG_4600

UN CORROTTO, UN USURAIO, UNO SPACCIATORE, UN PICCHIATORE….. SE INDOSSA UNA DIVISA DI POLIZIA, NON SPORCA SOLO LA DIVISA DEL SUO CORPO, MA QUELLA DI OGNI ALTRO POLIZIOTTO STATALE O LOCALE, FINANZIERE, CARABINIERE, FORESTALE, DIRIGENTE, PREFETTO, PROCURATORE, GIUDICE CHE SIA….. , MINA LA CREDIBILITA’ DELLE ISTITUZIONI E LA NOSTRA, CHE SIAMO QUELLI CHE SI ALZANO LA MATTINA ALLE 4 E SPESSO DEVONO RIENTRARE A CASA IL GIORNO DOPO……..

E QUINDI A NOI NON PIACCIONO A PRESCINDERE DALL’APPARTENENZA A CORPI O ARMI, SENZA ALCUNA STRUMENTALIZZAZIONE… CON LA SPERANZA CHE CERTE “TESTE” LA FINISCANO DI SPECULARE SOLO SE IL CORROTTO E’ DELLA POLIZIA LOCALE!

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.789083507842226.1073741847.715807715169806&type=3

L’anticorruzione al comune di Roma è solo AMMUINA

Abbiamo partecipato con convinzione alla presentazione di una nuova piattaforma digitale sul sito di http://www.senzabarcode.it. che consente di superare le rotazioni anticorruzione e di trovare altri strumenti più utli per sconfiggere questo cancro che drena risorse economiche e le toglie ai cittadini ed ai lavoratori.

Di questo incontro ne è stata data comunicazione anche attraverso i canali informativi

http://www.romatoday.it/economia/denuncia-corruzione-pubblica-amministrazione-whistleblowing-senzabarcode.html

Qui di seguito potete trovare il link completo alla presentazione:

http://www.radioradicale.it/scheda/443705/senzabarcode-e-whistleblowing-presentazione-ufficiale#a=3001662&i=3420295

Qui di seguito invece l’intervento del nostro Segretario di Roma Stefano Giannini

http://www.radioradicale.it/scheda/443705/iframe?i=3420295

Le immagini che ha mostrato sono quelle che abbiamo già trasmesso all’Autorità Nazionale Anti Corruzione e che, ogni volta, aiutano a capire quante competenze del Corpo andranno perse inutilmente.

anac qualità professionale

O si pensa che una rotazione ogni 10 anni serve davvero a sconfiggere la corruzione?

10 anni li fa continuamente un sindaco se viene eletto per due mandati… Un funzionario, non dirigente del Corpo, viene trasferito più rapidamente e non ci sembra che abbia meno rischi di esposizione alla corruzione di un sindaco.

Il comune vuole sconfiggere la corruzione o vuole solo fare “ammuina”?

Facite_ammuina