Le ferie a Sanremo

Quello che è andato in scena ieri sul palco più televisto d’Italia collocato a Sanremo e mostrato sempre nel mese di Febbraio ci è apparso quantomeno INOPPORTUNO.

Non ci riferiamo a qualche seno al vento, a qualche esibizione pubica oppure a sedicenti aspiranti suicidi.

Stiamo parlando dell’esaltazione di quello che sembra sia  stato definito come “impiegato modello” per avere rinunciato ai 239 giorni di ferie che gli spettavano.

Nulla quaestio nei confronti delle sacrosante parole che condannavano i cosiddetti “furbetti” della pubblica amministrazione. Anche se qui, con un po’ di coraggio e forse il palco e la platea erano quelli giusti, dovremmo cominciare a chiamarli PARACULI.

Però dobbiamo ricordare che le ferie sono un diritto costituzionalmente garantito e lo citiamo testualmente:

Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.

Le ferie non si possono rinunciare nè monetizzare e lo ribadisce anche la Corte di Giustizia Europea

Non è possibile giocare e far passare un messaggio mediatico sbagliato che va contro decenni di lotte dei lavoratori.

Però c’è un però:le ferie però si possono donare!

Per questo, già dal 20/10/2016, abbiamo chiesto all’amministrazione comunale di Roma di concederci questo diritto.

Noi non vogliamo regalare giorni destinati al recupero psicofisico ma vogliamo donarli a chi, tra i colleghi, le ha utilizzate tutte per accudire i propri figli malati.

Stiamo ancora attendendo la risposta alla nostra lettera per una scelta a costo 0 per l’amministrazione.

Annunci

Rispondi (solo se ti sei accertato di avere connesso il cervello)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...