IV Gruppo Tiburtino sfrattato?

Abbiamo appreso stamattina una notizia che, se fosse confermata, sarebbe l’ennesima conferma della mala gestione della macchina amministrativa nei confronti della Polizia Locale di Roma.

Stamattina alcuni colleghi sembrerebbe che siano stati avvicinati dal curatore degli interessi della proprietà nella quale trova la sede il IV Gruppo tiburtino che gli avrebbe comunicato l’avvio della procedura di sfratto dalla stessa sede.

Abbiamo richiesto immediatamente notizie e conferme sia al Comandante del Corpo sia al Comandante del IV Gruppo direttamente coinvolto.

Non vogliamo davvero immaginare la scena coi colleghi del GSSU e dello SPE chiamati a sgomberare il locale occupato dal IV Gruppo Tiburtino.

Saremmo davvero al 1° posto nella  fiera dell’assurdo, altro che 88° posto nella qualità della vita…

mondo-alla-rovescia-light

Annunci

Non ci rompete le scatole!

Stiamo lavorando per voi….

Stavolta siamo in Via caduti della liberazione dove da ieri mattina le pattuglie del IX Gruppo EUR si stanno alternando e dando il cambio per controllare che questa buca non se ne vada in attesa di un intervento di qualche fantomatica ditta di manutenzione stradale che chissà mai quando interverrà.

Ed allora ci si organizza tra la cittadinanza e si segnala come si può il pericolo agli altri utenti della strada.

Con il periodo natalizio il personale si sta preparando a confezionarle con carta regalo per allietare l’attesa…

photo_2016-11-26_08-23-42

 

05BWEL2A
Inserisci una didascalia

Quindi se avete a disposizione scatole varie donatele con fuducia al vostro comune preferito in modo tale che ci si possano impacchettare le buche.

Una simpatica idea natalizia perchè dopo “adotta una buca” ci stava benissimo “regala una buca”.

Chi ce lo ha più duro?

Siamo andati a vedere come si comportano le altre principali città italiane nei confronti dei propri dipendenti della Polizia Locale. Abbiamo preso come punti di riferimento i 20 capoluoghi di regione ed abbiamo letto sommariamente i loro piani triennali di prevenzione della corruzione che sono pubblicati online.

Abbiamo a questo punto sintetizzato i principali accorgimenti presi dai comuni in modo tale che possiate farvi una idea di come sia diverso l’approccio e la gestione dell’applicazione della legge 190 del 2012. Se ci dovessereo essere errori od omissioni segnalatecele ed integreremo e correggeremo.

Partiremo dal nord e scenderemo verso sud nella nostra penisola.

Buon viaggio.

  1. Aosta : Trasparenza nelle comunicazioni sul sito del comune;
  2. Torino: Presenza di superiore gerarchico durante i controlli, Analisi informazioni pubblicate su internet, iniziative formative, aggiornamento sito intracom;
  3. Milano : formazione personale a rischio, approvazione regolamento controllo interno, rotazione dirigenti comunali;
  4. Venezia: individua evento a rischio e propone diverse soluzioni se commesso (Dichiarazione scritta assenza conflitti interesse da parte del personale operante, obbligo astensione qualora si verifichi, rotazione del personale, pluralità livelli verifica,controlli a campione,formazione,divulgazione circolari operative);
  5. Trento: individua evento a rischio e propone diverse soluzioni se commesso (digitalizzazione delle pratiche, accordi con ditte, rotazione personale, reporting a campione tempi di evasione fascicoli);
  6. Trieste: trasparenza sito web, accesso civico agli atti, controlli interni ed a campione, rotazione incarichi (categoria D in posizione organizzativa), formazione, nuovo codice di comportamento aziendale;
  7. Genova: schede di monitoraggio degli atti;
  8. Bologna: controlli a campione, assegnazione a due diversi dipendenti della stessa pratica, ascolto casuale del pubblico coinvolto, certezza della presa in carico delle segnalazioni;
  9. Firenze: predisposizione protocollo di legalità con prefettura di firenze;
  10. Perugia: direttive, formazione, rotazione dirigenti e funzionari solo nelle areee ad elevato rischio;
  11. Roma: Polizia Locale tutta praticamente a rischio  e rotazione di incarico per tutti i dipendenti con formazione successiva al trasferimento e affiancamento se possibile.
  12. Aquila: rotazione dirigenti e funzionari (esteso poi a C) solo dopo affiancamento o formazione;
  13. Ancona: verifiche incompatibilità, rotazione FACOLTATIVA dirigenti e funzionari, OBBLIGATORIA per procedimenti disciplinari su ambito corruttivo,formazione,monitoraggio tempi pratiche, trasparenza obbligatoria, controlli a campione su dichiarazioni sostitutive,stipula protocolli legalità
  14. Napoli: rotazione dirigenti o alte responsabilità;
  15. Campobasso: creazione ambiente informatico per gestione informazioni in open data
  16. Bari: abbinamenti casuali del personale, verifica a campione delle istruttorie, implementazione applicativi gestionali, istituzione di gruppo intersettoriale per le pratiche che hanno sanzioni accessorie
  17. Catanzaro: accordi per non espletare il procedimento sanzionatorio in materia di polizia giudiziaria, circolazione stradale, ambientale e commerciale rischio medio Adozione di una direttiva contenente i criteri di scelta e gli standard di qualità • Adozione di una direttiva per la scelta dei soggetti da sottoporre a controllo • Resoconto annuale al Responsabile anticorruzione
  18. Potenza: Controlli di Polizia Locale “rischio medio basso”. Solo 3 provvedimenti su : Procedure negoziate, Affidamenti diretti, Conferimento di incarichi di collaborazione
  19. Palermo:tracciabilità informatica degli atti, controlli a campione su 30% provvedimenti,variazione periodica composizione pattuglie, rotazione incarichi su gestione acquisto e beni gestione sanzioni accessorie codice della strada
  20. Cagliari: amministrazione trasparente, pubblicazione online tempestiva.

Questo in estrema sintesi e con tutte la cautele del caso dovute alla eventuale nostra errata lettura delle migliaia di pagine che compongono questi 20 diversi piani.

Secondo voi, chi è che ha messo a richio il funzionamento del proprio corpo di Polizia Locale?

 

Referendum: si o no?

Lasciamo come sempre ampia libertà di voto ai nostri iscritti e simpatizzanti.

È vero però che questo referendum è stato volutamente spostato,agli occhi della opinione pubblica, in una sorta di “sondaggione” di metà mandato per il Presidente del Consiglio.

Se questo deve essere, allora noi ci poniamo alcune domande:

È stata votata una legge di riforma della Polizia Locale attesa da 30 anni?

È stato rafforzato il potere contrattuale dei dipendenti pubblici?

È stato sbloccato l’aumento contrattuale?

È stato esteso alla Polizia Locale il bonus di 80€ previsto per le altre forze di polizia?

Vigili di nuovo imbucati!

Niente.

A Roma non se ne esce.

Continua il gioco delle belle statuine per la Polizia Locale di Roma.

Qui siamo a Via Francesco Sapori, da ieri sera alle 20.00 siamo imbucati li.

Ruotano i comandanti, ruotano i dirigenti, ruotano gli ufficiali, ruotano gli agenti ma gira che ti rigira le buche restano sempre li.

E noi appresso a loro, a guardare se tante volte ruotassero pure loro.

L’ illusione delle scimmie parlanti

E’ il titolo dell’opera letteraria prodotta dal nostro dirigente sindacale Stefano Camodeca.

E’ un saggio che prova a guidarci sul senso della vita. Un lungo percorso per tutti quanti costellato di tentativi ed errori che avranno, ognuno, una conseguenza su quelli successivi.

Un’idea per un regalo di Natale per noi o per i nostri amici.

Bravo Stefano!

Aletti Editore

 

Rotazioni anticorruzione:ci giochiamo tutto

Nel gioco del POKER questa mossa è chiamata : ALL IN. Tutto dentro.

In pratica il giocatore ad un certo punto della partita gioca tutte le fiches che gli sono rimaste convinto che il punto che ha in mano possa essere più alto di tutti quelli presenti al tavolo nella speranza di riaddrizzare una partita o di stravincerla.

Oppure cerca di spaventare gli avversarsi non avendo nulla in mano e facendo il cosiddetto BLUFF.

Il 15 novembre comincerà il più corposo provvedimento di rotazione di appartenenti al Corpo della Polizia Locale di Roma secondo i criteri del piano triennale di prevenzione della corruzione approvato dal comune di Roma.

Circa 1000 appertenenti al corpo cambieranno le mansioni per andare a fare altro rispetto a quanto stavano facendo adesso.

Piano triennale che invece dovremmo chiamare annuale perchè siamo già, se non ricordiamo male, alla terza stesura in quasi tre anni.

Quindi una rotazione di dipendenti che avrebbe potuto benissimo essere spalmata in più tempo sarà invece effettuata rapidamente. A stretto giro, ogni tre mesi, ne verranno effettuate altre due e si avranno nel giro di 6 mesi circa 3000 agenti ( il 50% del corpo) che andranno a svolgere un incarico diverso

Una rotazione che, per colpa di una classe dirigente che forse ha cercato di perdere tempo aspettando che il problema si risolvesse da solo, non ha sfruttato la pausa temporale data dal giubileo per anticipare pian piano queste rotazioni e facendo si che i cambi di incarico non fossero troppo destabilizzanti per la struttura e per i servizi erogati alla cittadinanza.

Una cittadinanza che si troverà con un Corpo già in estrema difficoltà ad erogare questi servizi e che sperimenterà sulla propria pelle questo tentativo benedetto dallo stesso Cantone come salvifico della corruzione a Roma.

Siamo stati favorevoli alla rotazione degli incarichi perchè già nel 2008 li avevamo inseriti nel regolamento del Corpo mai pienamente applicato dai dirigenti. Se lo avessero fatto, senza magari  dare ascolto ad un mondo sindacale torbido ed interessato al mantenimento dello status quo del proprio iscritto piuttosto che ad un miglioramento collettivo corale, forse non saremmo arrivati a questo punto.

Ora ci ritroveremo con il personale che il 15, senza alcuna formazione preventiva, si troverà ad affrontare materie nuove. Non pensate che sia semplice. Non significa solo affrontare una doppia fila. Significa trovarsi di fronte una discarica abusiva di materiale tossico non sapendo cosa fare; significa trovarsi davanti alla costruzione di una veranda su un terrazzo non sapendo cosa fare; significa trovarsi con una patente di guida nigeriana senza traduzione al volante di un veicolo bulgaro con assicurazione rumena che ha fatto un incidente con un tir turco con rimorchio greco non sapendo cosa fare.

Come se in un ospedale si spostasse da un giorno all’altro un ortopedico in neurologia ed un ginecologo in ortopedia.

Ci sarà un effetto onda inevitabile. Dopo essere arrivata sulla spiaggia l’onda si ritrae e questo fisiologicamente avverrà per la metà del corpo in questo periodo. Ci si ritrarrà per studiare il da farsi prima di sbagliare. Per umana prudenza. Per poi ripartire.

Qui sta la scommessa che si gioca sulle vite professionali degli appartenenti al corpo: si punta sulla rapidità di apprendimento di nuove materie in modo del tutto autonomo.

Il Comandante Porta evidentemente punta tutto su questo.

Avrà il punto in mano oppure sta bluffando?

Male che vada, in caso di fallimento, non sarà lui a lasciare il tavolo da sconfitto ma saremo noi operatori ad essere tacciati di non essere in grado di svolgere il nostro lavoro.

Il tutto mentre si attende la conferma del Comandante Generale, mentre si attendono le nomine dei vice comandanti e le rotazioni degli stessi dirigenti nei gruppi…..

Risultati immagini per giramento di testa

Stop dell’ANAC agli appalti del vigili?

Nessuna sorpresa!


Qualcosa avevamo subodorato?

Forse non siamo solo “quelli delle polo”…

In attesa di eventuali precisazioni o smentite da parte del Comando, chiediamoci  perché i “vigili urbani”, come venivano chiamati fino al 1986, debbano essere tolti dai loro specifici e principali compiti istituzionali per essere invece impiegati nelle pratiche relative agli appalti ed agli acquisti.

Ah già.

Siamo degli impiegati comunali…

Cani e gatti dopo il terremoto: chi se ne occupa?

Il lato oscuro del lavoro della Polizia Locale di Roma sui luoghi colpiti dal terremoto è anche questo:

photo_2016-11-06_13-35-35

Moltissimi animali domestici e semi domestici anche loro hanno perso tutto. Hanno perso le loro case e chi si prendeva cura di loro.

Ed è per questo che, dopo avere terminato il proprio turno di lavoro, alcuni componenti delle varie squadre della Polizia Locale di Roma nel tempo inviate sul posto, si prendono cura di questi animali portandogli acqua e cibo spesso acquistati con i propri soldi.

Fa sicuramente meno notizia di quando acciuffiamo qualche sciacallo, ma non è di sicuro meno importante per noi che svolgiamo il nostro lavoro con cuore e professionalità.

Bravi colleghi.

Spese pazze? Po’ esse…

Anche oggi il buon De Cicco dalle pagine del Messaggero cita il nostro sindacato.

L’argomento è il vestiario del Corpo e le spese sostenute dal comune per applicare quello che è un suo regolamento.

base

Sapete che vi diciamo?

Ha ragione lui!

Dopo averlo invitato a leggere con attenzione questo commento ad una sentenza di Cassazione ed ad uscire in strada e da Roma per vedere come altre forze di polizia ed altri comuni già da tempo si siano orientati sulle “famigerate” a mai troppo da lui digerite POLO, continuiamo a pensare che abbia proprio ragione.

Facciamo risparmiare questi soldi al comune che sicuramente e prontamente li investirà per riparare le buche.

A noi non serve, come impiegati del comune, avere a disposizione una divisa per svolgere il nostro lavoro.

Ci basta solo il tesserino e l’apposito segnale distintivo: la cosiddetta paletta. Nulla di altro.

Risultati immagini per paletta polizia locale roma

Tutti in borghese perchè cambiare camicie (le polo costerebbero pure di meno) ogni 3 anni è uno spreco…

P.S. a chi scrive è capitato di comprare lo smartphone e la cover per evitare che si danneggiasse e poi si dovesse spendere soldi per ripararlo…