Risposta a De Cicco

Egregio Sig. De Cicco (dovrebbe essere lei l’autore dell’articolo se abbiamo bene interpretato l’abbreviazione), siamo ben lieti che abbia “apprezzato” la nostra idea di rendere più moderno il vestiario della Polizia Locale e ne abbia dato diffusione sulla stampa.

Ci pregiamo ricordare che questa nostra richiesta sono almeno 8 anni che viene presentata al Comando del Corpo nelle apposite commissioni che si occupano del vestiario ed in parte è stata recepita visto che alcuni reparti le hanno già in dotazione.


Per non parlare delle decine e decine e decine di comuni in tutta Italia come ampiamente verificabile in una rapida ricerca su google. 

Per non parlare anche della altre forze di Polizia a livello nazionale che stanno ammodernando allo stesso modo il loro vestiario.

Rassicuriamo l’attenta penna che i 3 milioni di vestiario dovrebbero essere andati a coprire tutta la vestizione,non soltanto parte di essa come la maglietta, a partire dalle comodissime scarpette da donna che sono reputate utilissime per affrontare i piantonamenti dei campi nomadi.

Ricordiamo inoltre che il datore di lavoro dovrebbe provvedere alla manutenzione del vestiario che fornisce al lavoratore e ciò invece a Roma non avviene dal gennaio 2015.

Provvedere alla manutenzione di una maglietta, non di una marca famosa che cita lei (facendole tra l’altro pubblicità) ma anche un semplice  nologo, potrebbe alla lunga essere un risparmio per lo stesso comune.

Le consigliamo infine, se le fosse possibile, di volere approfondire a livello giornalistico il tema delle forniture di vestiario alla Polizia Locale di Roma.

Qui un esempio: https://sulplroma.com/2016/05/05/mezze-maniche-per-mezza-stagione/

Una fornitura semplice di pochi capi, senza orpelli vari, non è che alla fine sarebbe un vero risparmio per l’amministrazione?

Quindi doppio risparmio di manutenzione e fornitura.

Una nuova amministrazione, attenta ai risparmi, chissà che non la accolga positivamente.

Ps: il nostro regalo costa 12€, una camicia non sappiamo quanto costi al comune 

Annunci

3 pensieri su “Risposta a De Cicco

  1. Quando sono entrato nel Corpo come motociclista nel 1973,avevamo d’estate la giacca bianca con il lupetto blu,( per le scorte avevamo la camicia bianca).Poi venne tolta la giacca e venne la sola camicia bianca con maniche lunghe per poi passare alla bianca con maniche corte.Poi grazie ai sindacati,si, ognuno ha cominciato a vestirsi come gli pareva.Berretti all’americana,polo con vari scritte ecc. Ora è il caso di uniformare la divisa in base alle varie mansioni( non uguale per tutti) eccetto quella di rappresentanza.Utopia?

    Mi piace

    1. Dal 73 ad oggi per fortuna la tecnica si è evoluta e le divise sono diventate più idonee agli impieghi operativi che sono aumentati a dismisura rispetto a 45 anni fa.
      Di acqua sotto i ponti del tevere ne è passata

      Mi piace

Rispondi (solo se ti sei accertato di avere connesso il cervello)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...