Esposito:un nuovo comandante dei vigili a Roma

 La notizia era nell’aria da un po’ di tempo e proprio la vigilia del santo Natale, il 24 dicembre, è arrivata la conferma.

Ugo Esposito verrà a sostituire Davide Orlandi con delibera n° 27 del 2015 .

Andrà probabilmente a comandare uno dei gruppi scoperti e senza dirigente, su scelta del confermato (?) Clemente sempre con delibera della vigilia di Natale n° 25 del 2015.

Orlandi andrà a Moncalieri, da dove proviene Esposito.

5

Invitiamo Tronca a firmare anche tutte quelle richieste di mobilità di personale non dirigente che chiede di venire a lavorare nella Polizia Locale di Roma e che invece è bloccato da chissà quale misterioso impedimento.

O certe mobilità valgono solo per i dirigenti?

I cittadini sentono di più la mancanza dei dirigenti o dei semplici vigili in strada?

Auguriamo al nuovo comandante buon lavoro, dandogli il benvenuto, con l’augurio di diventare, chissà, anche un giorno comandante del Corpo

 

Annunci

sTRONCAti: grazie!

Lo avevamo preannunciato e puntualmente si è avverato.

In particolare riguardo “la task force, in fratino giallo probabilmente, addetta al controllo delle caldaie alterne ed ” Il 2016 sarà caratterizzato da task force che gireranno per controllare impianti termoidraulici con proliferazione assicurata di tweet, comunicati stampa e fotografie di rito.

Sono un libro aperto per noi, non regalano più nessuna sorpresa.

3

A seguito di questo “spot  & selfie” puntuale è arrivato il commento…

1

Grazie per il bel regalo per la Befana.

Grazie Tronca. Grazie Clemente.

Un impiego del genere della Polizia Locale fa schifo pure a chi non è mai tenero con il corpo.

I cittadini di Roma si continuano a lamentare giustamente delle carenze della Polizia Locale perchè in giro ci si vede poco o nulla e qui ci si permette il lusso di togliere personale ai gruppi periferici, creare task forSe su task forSe per mandarle in giro con termometri come novelli THERMOBUSTERS

3

Ma era proprio questo il Modello Milano?

A noi pare più il modello Giuditta

3

Se non ci fosse da piangere potremmo anche riderci su.