Lettera concorsisti: non la firmiamo.

Ieri sera è stato chiesto in un messaggio privato al nostro Segretario di Roma se avesse intenzione di firmare la lettera che un’associazione stava facendo sottoscrivere ai concorsisti rimasti fuori dopo la pubblicazione delle graduatorie.

Questi messaggi poi sono stati diffusi sui social come chissà quale segreto rivelato.

Il Sulpl, dopo la pubblicazione delle graduatorie, ha cercato di dare una mano fornendo l’assistenza legale a coloro i quali sentivano, per noi a ragione, di avere subito un illecito.

È stato presentato un ricorso al TAR e quindi, nel massimo rispetto dell’autorità giudiziaria, il Sulpl ha fatto un passo indietro.

Da giugno.

La decisione ora spetta ai giudici e nel loro rispetto noi ci comportiamo di conseguenza.

Per cui la risposta a quella domanda non poteva che essere : non firmiamo!

  
Dobbiamo precisare che nessuna lettera poi tra l’altro ci è stata inviata da nessuna associazione. Se avessimo voluto fare i precisi i ci saremmo potuti trincerare dietro i sofismi del modo.

Invece no. Come sempre siamo abituati a dire la verità in faccia.

Se non siete abituati a chi è sincero e trasparente è un problema vostro: dovrete abituarvi a queste se volete seguire il SULPL!

Annunci