Sotto i 5900. Siamo sempre di meno.

4

Secondo i nostri conteggi questo mese siamo scesi sotto le 5900 unità come appartenenti al Corpo.

Dobbiamo precisare che questo conteggio è effettuato in base al conteggio dei pensionamenti, delle dimissioni e purtroppo anche dei decessi che anche in questo anno non sono mancati.

Potrebbero esserci degli ingressi a Roma con le procedure di mobilità di cui non siamo a conoscenza.

Il 01/01/2014 eravamo circa 6150. Il Punto 3 è l’inizio dell’anno 2015 inaugurato con cifra prossima ai 6000.

In queste condizioni affrontiamo il Giubileo della Misericordia. Anzichè assumere tutti gli idonei si è deciso di “buttare in vacca” il concorso.

Caro Papa Francesco, abbi misericordia di noi, annulla il Giubileo!

Annunci

Condannata la Modafferi. La ruotiamo?

L’aeroporto di Ciampino pare essere una spina nel fianco della Vice Comandante del Corpo Raffaella Modafferi e si trasforma di nuovo in una buccia di banana.

Dopo quanto avvenuto nel 2012, descritto in questo articolo, quando si parlava di un permesso per parcheggiare la propria macchina  privata all’interno dell’aeroporto di Ciampino, oggi la stessa testata giornalistica

4

informa che una condanna in sede civile si è abbattuta sulla Dott.ssa Modafferi e il Dottor Buttarelli.

Immaginiamo che i fatti possano essersi svolti proprio in quel periodo in cui il Dott. Buttarelli era al Comando del Corpo.

E’ solo una condanna in primo grado, definita però di una gravità tale da approssimarsi al dolo.

Qui la mente ci va al comportamento giustamente tenuto dal comune e dal comando in caso di condanna dei semplici vigili. Vengono sospesi dal servizio e/o trasferiti di gruppo.

Allora perchè non applicare lo stesso provvedimento anche ai dirigenti?

Chiediamo pertanto all’Assessore alla legalità ed alla trasparenza Sabella di verificare se sia opportuno o meno che la Vice comandante del Corpo, che comanda anche il GPIT che si occupa di quegli specifici controlli sui trasportatori abusivi,  sia o meno da conservare nell’incarico o si debba procedere ad una “rotazione d’opportunità”.

Legali e trasparenti su tutto e tutti!

Sempre.

Tso ed i problemi per la Polizia Locale. Il comando mette una pezza.

Ad agosto avevamo provveduto ad avvertire le istituzioni coinvolte negli Aso e nei Tso che la Polizia Locale di Roma svolge questo servizio senza alcun protocollo di intervento sottoscritto tra le stesse parti.

Lo avevamo fatto attraverso questa lettera inviata anche per conoscenza alla Procura della Repubblica di Roma per informarla dell’esposizione dei lavoratori a rischi di natura anche penale.

Il comandante del Corpo a questo punto corre ai ripari per quanto può e cerca di metterci, se non un pannicello caldo, una pezzetta con  questa lettera inviata alle AASL .

Intanto riusciamo a mettere due punti fermi: non si sale a bordo di ambulanza e non si piantonano i malati all’interno delle strutture sanitarie.

Non ci fermiamo ed andiamo avanti.

Stiamo preparando un corso per formare gli appartenenti al corpo proprio sul TSO: su quello che possiamo e quello che dobbiamo fare.

Ci vogliono nell’ignoranza perchè temono la nostra conoscenza dei nostri diritti di lavoratori.

Sabella riconvoca l’incontro!

Convocazione per il 02/10/2015

Convoca la riunione.

Annulla la riunione

Convoca la riunione

Bha….

Eravamo pronti, insieme a Cgil Cisl Uil e Ospol ad inviare una letteraccia. Questa convocazione è arrivata pochi minuti prima. Quasi che qualcuno gli avesse suggerito che stava per arrivare….

Le cose che gli avevamo scritto gliele diremo a voce.

Il rispetto prima di tutto.

In quanti si balla l’ Hully Gully?

Ieri rilanciavamo con questo post  un tweet del comando del Corpo in cui si dava conto di quanti siamo in servizio per strada.

In pratica non abbiamo neanche finito di scriverlo che è pervenuta a tutti i comandi una nota operativa nella quale si toglie altro personale ai gruppi per destinarlo alla cura ed alla identificazione dei minori.

4

20 pattuglie a turno saranno sottratte ai municipi ed al territorio per questo servizio.

40 pattuglie al giorno per 3 giorni la settimana, compreso il sabato.

Se utilizzassimo il tweet pubblicato ieri le pattuglie che, secondo l’intendimento del comando dovrebbero essere distolte, sarebbero tra le 140 dei servizi vari.

Non sarà proprio così. Siamo certi fin da ora che le pattuglie che saranno tolte dai servizi saranno, di solito, quelle destinate alla viabilità.

Quindi quei 700 che si occupano della viabilità, nel peggiore dei casi, scenderanno a 640.

Su tutta Roma.

Siamo sempre di meno e ci affidano sempre maggiori compiti.

Anzichè darci i palmari dovrebbero distribuire fotocopiatrici per fotocopiare i vigili.

Sempre se ci sono le risme di carta…

Il comando del corpo è in una situazione di oggettiva difficoltà perchè, col poco personale che gli mette a disposizione il comune, deve fare i salti mortali per coprire i servizi.

Perchè non utilizzare anche il personale distaccato al comando alle segreterie di Clemente e Modafferi?

Via Prenestina Bis. Il sottopasso è cieco ma la politica è sorda!

Si è inaugurata in pompa magna il nuovo tratto della Via Prenestina, nel territorio del V Municipio, che dovrebbe consentire di alleviare le condizioni del traffico in un tratto storicamente molto difficile ed ad elevatissimo rischio di incidentalità, anche mortale, come testimoniato dai dati ufficiali spesso pubblicati.

Un tratto di strada è interrato in una galleria.

google

Siamo venuti in possesso di una interrogazione a risposta scritta presentata da un consigliere municipale il quale in questa interrogazione, il 27 Aprile, chiedeva se il sottopasso fosse dotato o meno di impianto di videosorveglianza.

Il 27 Aprile sono quasi 5 mesi fa!

La risposta scritta non è arrivata ma è arrivata la risposta dei fatti: apprentemente nulla è stato installato!

Siamo d’accordo con la richiesta del consigliere e la facciamo nostra. Un impianto di sorveglianza, collegato con la sala operativa del comando di zona, avrebbe consentito di monitorare continuamente h24 ciò che accade nel tratto sotterraneo. Dai graffiti ai manifesti abusivi fino agli incidenti stradali.

A questa richiesta aggiungiamo anche il problema delle radio di servizio. Ad oggi non sappiamo neanche se le nostre radio sotto terra potranno funzionare correttamente. Lo sperimenteremo sulla nostra pelle nei prossimi giorni. Senza parlare di eventuali colonnine SOS che sembrano mancare.

Installare un ripetitore radio e qualche telecamera non crediamo che avesse potuto ingenerare ritardi nella inaugurazione dell’opera o sovrapprezzi esorbitanti.

Questa la situazione di stamattina:

11

22

33

Speriamo che i cavi penzolanti siano dovuti all’installazione futura e che il muro grezzo sia per dissuadere chi ci vuole scrivere sopra e non sia stato lasciato tutto così solo per la fretta di aprire la strada entro i tempi.

Come al solito qui a Roma “ci manca sempre un sordo pe fa na lira!”

La Polizia Locale dopo le riforme pensionistiche?

Come ben sapete il lavoro del Poliziotto Locale è considerato alla stessa stregua di un lavoro impiegatizio. Questo non lo diciamo noi ma lo dicono le norme contrattuali che equiparano questo lavoro a quello di un bibliotecario, di un geometra o di un segretario del sindaco.

Con tutto il rispetto ovviamente che va a questi lavoratori.

Abbiamo reperito in rete questo divertente ma amaro video

fonte:https://www.youtube.com/watch?v=p0YOqaKXLvU

Se ci è arrivata la satira ci auguriamo che presto o tardi ci arrivi anche la politica.

Una riforma della Polizia Locale non è più rinviabile.

P.S. Ne gireremo uno nostro di filmato.Senza sparatorie.

Chi vuole essere tra gli attori è benvenuto.

Ostia: nuova sede per la Polizia Locale?

In data 11/09/2014 ci giunse la notizia che, al di fuori di ogni regola contrattuale, l’allora presidente del X Municipio Andrea Tassone al quale inviammo la seguente lettera:

richiesta convocazione riunione su sede

Sottobanco probabilmente proseguirono delle trattative portate avanti dalla parte politica del municipio tanto da spingerci il 02/12/2014 a diffidare formalmente sia il Presidente del X Municipio, sia il Sindaco Marino, dal procedere unilateralmente all’assegnazione della nuova sede.

diffida nuova sede

Proprio quanto dicevamo noi alla politica ha trovato conferma negli atti di una inchiesta che sta cercando di fare luce su questo “pasticcio” http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_marzo_22/ostia-bando-la-sede-vigili-carte-all-anticorruzione-cantone-b9fecb2c-d070-11e4-a378-5a688298cb88.shtml

Sono passati alcuni mesi senza che qualcosa di sostanziale sia cambiato.

Allora, insieme ai dirigenti sindacale del X Gruppo Mare, abbiamo deciso di farci promotori noi di una nuova idea per il rilancio della legalità nel municipio di Ostia

Chiediamo l’assegnazione di un nuovo locale passando dalla protesta alla proposta. Per non dare spazio a nessun alibi.

proposta nuova sede

Vi terremo informati appena riceveremo risposte.

Se le riceveremo…