Dovè la vittoria? Schiava di Roma iddio la creò.

2

Mameli intonerebbe questo paio di strofe poi, con neanche troppa calma, prenderebbe le sue cose. Le chiuderebbe all’interno di una valigia. Prenderebbe il primo volo per il Canada o l’Australia e saluterebbe dalla scaletta dell’aereo il popolo italiano dicendo: ” Tanto c’avete Azzurro

Oggi questa scena è andata in rappresentazione al gran teatro dell’assurdo “Giulio Cesare”.

Veniva rappresentata la storia di un capo villaggio eletto con voti di consiglieri di tribù, definiti cavalli vincenti, che ne sorreggevano le gesta e le votazioni dandogli fiducia ed elargendone sovente applausi.

Questo fino a che il prode Cavaliere Pignatone da Clodio, terra di uomini giusti collocata sotto le pendici del Monte Mario, non ne sbattè in gattabuia una bella manciata.

Il capo villaggio, eletto con i voti raccolti da questa ciurma, per salvare la sua cadrega dall’incubo dell’esilio nella terra delle presunte Indie e salvare lo stipendio da politico di lungo corso utile ad alimentare la sua vanagloria, decise allora di sostituirli con delle seconde scelte.

Via i primi, dentro i secondi.

Neanche al ristorante durante un matrimonio. Oppure proprio come ad un ristorante. Dopo il primo arriva il secondo. Si continua mangiare.

Il conto tanto lo paghiamo poi noi.

Annunci

Rispondi (solo se ti sei accertato di avere connesso il cervello)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...